Diamanti

Le caratteristiche qualitative 4C

Le pietre preziose rare come i diamanti esercitano da sempre un fascino speciale: da indossare come simboli d’amore o per altre occasioni, scegliendo un diamante s’investe sempre in un accompagnatore esclusivo per l’eternità.

Il valore di un diamante viene stabilito sulla base delle cosiddette 4c: Carat (peso), Clarity (purezza), Colour (colore) e Cut (taglio). Sulla base di questi criteri di valutazione, il prezzo oscilla notevolmente di conseguenza. Il fattore primario di determinazione del prezzo è il peso, seguito dalla purezza della pietra, dal colore e dal taglio.

Tutte le pietre di Les Ambassadeurs sono munite di un certificato GIA internazionale di accompagnamento del Gemological Institute of America. I nostri esperti saranno lieti di fornirvi una consulenza per aiutarvi a trovare la pietra che fa per voi.

Cut

Il colore, la purezza e le dimensioni del diamante sono qualità naturali. Ma è solo il taglio giusto, ad esempio per far sì che la pietra assuma le proporzioni adeguati, che consente al diamante di sprigionare la massima brillantezza e luminosità. Idealmente, il classico taglio a brillante rotondo deve presentare almeno 57 facce; sono tuttavia molto apprezzati anche i diamanti ovali, a cuscino o a goccia.

diamond cut

Colour

Un occhio ben allenato è in grado di riconoscere anche le minime sfumature cromatiche dei diamanti. I colori spaziano da incolore a giallo e vengono classificate in base a una scala composta da lettere alfabetiche da D a Z, in cui D corrisponde al livello più incolore per i diamanti. Un diamante completamente bianco anche osservato al microscopio è estremamente raro, proprio come i cosiddetti «fancy diamonds» e i diamanti colorati. Questi ultimi presentano tonalità esterne alla scala da D a Z e sono diffusi in diversi colori, come ad esempio rosso, rosa, arancio, giallo, verde, blu, viola, marrone, grigio e nero.

Un altro aspetto da considerare è la fluorescenza, ossia la luce visibile emessa dai diamanti se esposti ai raggi ultravioletti che ne pregiudica il valore.

diamond colour

Clarity

La purezza di un diamante varia in funzione di alcune imperfezioni, le cosiddette inclusioni presenti nella pietra. Esse risultano perlopiù visibili solo ricorrendo a una lente d’ingrandimento x10. I diamanti che presentano formazioni scure vengono in linea di massima scartati. Per quanto riguarda le inclusioni, i nostri esperti accertano che si tratti di imperfezioni non visibili a occhio nudo.

diamond clarity

Carat

Il numero di carati, antica unità di misura del peso, è il fattore principale in base a cui viene stabilito il prezzo del diamante. 1,00 carato (ct) corrisponde a 0,2 grammi e viene indicato in modo preciso con due cifre decimali. Quanto più elevato è il peso, tanto più preziosa sarà la gemma. Un diamante da due carati è pertanto di norma molto più prezioso di due gemme da un carato della medesima qualità (si veda la voce «Clarity»).

diamond carat